Nuovo Ospedale di Bergamo – Papa Giovanni XXIII

  • Nido Group
  • Nido Group
  • Nido Group
  • Nido Group
  • Nido Group
  • Nido Group
  • Nido Group
  • Nido Group
  • Nido Group
  • Nido Group
  • Nido Group
  • Nido Group

Progetto Architettonico – Concezione generale.
Progetto Preliminare, definitivo ed esecutivo.

Studi di fattibilità – Impostazione programma
Coordinamento Generale del Progetto
Condirezione Artistica
Condirezione dei Lavori e Collaudi

Dati tecnici dell’Ospedale generale di Bergamo:

Superficie complessiva dell’area ospedaliera:      Mq 320.000
Posti Letto totali:                                                                     1200
Sale Operatorie:                                                                           36
Ambulatori:                                                                                 238
Posti Auto Totali:                                                                     2350

La grande macchina del nuovo ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, sin dalla prima concezione da noi elaborata per la presentazione al concorso internazionale, ha avuto come focus “l’uomo”, sia esso paziente, visitatore, oppure staff.
La grande piastra centrale a più piani, dove sono state concentrate le attività con i più alti livelli di tecnologia, è collegata con percorsi brevi e diretti ai sette dipartimenti medico-chirurgici con le degenze e gli ambulatori. Collegamenti verticali specializzati, razionalmente distribuiti, completano l’insieme delle connessioni che, interagendo con quelli orizzontali, costituiscono il sistema “arterioso e venoso” dell’organismo ospedaliero.
Con percorsi ampi, diretti e ben segnalati agevolano il personale e allo stesso tempo ai pazienti ed ai visitatori contengono l’ansia e l’incertezza della grande dimensione.
L’articolazione del complesso, in corpi di varia altezza e dimensione, collegati tra di loro consente di far arrivare la luce naturale in tutte quelle zone dove la presenza dei pazienti è più frequente.
Il nuovo Ospedale di Bergamo si colloca quindi come riferimento a livello territoriale in un contesto moderno, razionale e di alto livello architettonico consentendo di potenziare la quantità e la qualità delle prestazioni e dei servizi che attualmente sono erogati dagli ospedali riuniti.